RIMANI AGGIORNATO !!!

Iscriviti alla NewsLETTER di MUTI GAETANO per essere sempre aggiornato sulle novità e offerte da parte delle nostre aziende rappresentate....

Email
Nome
Cognome

PERCHE' SCEGLIERE LE MEMBRANE BITUME DISTILLATO POLIMERO ?

MEMBRANE BITUME DISTILLATO POLIMERO

Spesso i produttori di manti sintetici usano confrontare i loro prodotti/sistemi con prodotti definiti genericamente “Bituminosi” evitando di precisare se si tratta di fogli bituminosi tradizionali in bitume ossidato o modificato con additivi anche polimerici ma in concentrazione tale da non influire sulla struttura fisica della miscela dove restano preponderanti le caratteristiche del bitume. Le membrane bitume distillato polimero MBDP sono invece costituite da una lega polimero-bitume dove la fase continua, la matrice, è il polimero nel quale è disperso il bitume e le caratteristiche fisico/chimiche di questa e di conseguenza della membrana sono determinate principalmente dalla matrice polimerica mentre le caratteristiche meccaniche del foglio sono dovute principalmente all’armatura con cui viene prodotto la membrana. Le peculiarità che contraddistinguono le membrane MBDP sono dovute al fatto che possono essere prodotte con livelli di resistenza meccanica modulabili con le esigenze dei diversi campi di impiego armandole con rinforzi a resistenza crescente.
I tessuti non tessuti di poliestere sono le armature più usate perché sono in grado di associare una buona resistenza meccanica ad un elevato allungamento a rottura (35-60%) superiore a quello normalmente riscontrato sui tessuti di poliestere che è dell’ordine del 15%ma principalmente sono in grado di garantire una superiore e uniformemente distribuita resistenza al punzonamento rispetto ai normali tessuti impiegati principalmente come armature dei fogli sintetici che tendono a smagliarsi quando sottoposti a carichi puntuali. Il comportamento è spiegabile considerando il fatto che i tessuti non tessuti hanno le fibre fittamente distribuite in tutte le direzioni dello spazio anche verticalmente nello spessore del manufatto mentre i tessuti hanno le fibre intrecciate a rete a maglie più o meno larghe ( trama e ordito) e disposte solo sul piano. Non solo, le più recenti armature in tessuto non tessuto composito associate a fibre di vetro garantiscono alla membrana una stabilità dimensionale inferiore a 0.25% su foglio non incollato, un ritiro dimensionale dimezzato rispetto a quello delle membrane sintetiche armate con rete di poliestere la cui stabilità è dell’ordine dello 0.50%. Naturalmente questa caratteristica è importante per un foglio sintetico che necessariamente viene posato libero o parzialmente fissato, lo è molto meno per una membrana bitume distillato polimero che può essere anche incollata totalmente in totale aderenza e in tal caso il ritiro dimensionale scende a valori dell’ordine dello 0,02-0,05%.
Altra importante caratteristica che contraddistingue le membrane bitume distillato polimero è l’elevato spessore, non inferiore a 4mm per le membrane applicabili in monostrato, sicuramente più compatibile con le esigenze edilizie dove l’unità di misura non è il decimo di millimetro,caratteristica che si riflette anche sul fatto che il manto sia dopo l’applicazione che anche in fase di posa in opera può essere perdonato con calzature normali e non sono necessarie calzature leggere da ginnastica che vengono generalmente prescritte dai produttori di manti sintetici fin dalle fasi operative di posa in opera.

Anche la resa estetica non è un handicap delle membrane bitume distillato polimerocon autoprotezione che vengono prodotte con la faccia superiore protetta da scaglie o granuli minerali incorporati a caldo nella parte superiore della mescola ancora allo stato fuso che ne garantisce una adesione irreversibile. Questo unito alla possibilità di impiegare graniglie minerali colorate a forno ad alta temperatura nei colori chiari, viene usata anche graniglia ad alta saturazione e luminosità MINERAL REFLEX WHITE di colore bianco, risolve anche la problematica dell’assorbimento della radiazione solare e determina una più bassa temperatura nel regime estivo. La superficie ardesiata, contrariamente ai fogli sintetici, è pitturabile e costituisce il substrato ideale per una lunga durata della pitturazione, risulta così possibile incrementare ulteriormente la riflettività della copertura con l’apposita pittura WHITE REFLEX e quindi raffrescare la copertura e/o risparmiare sulle spese di condizionamento estivo. La protezione minerale in sinergia con la resistenza al punzonamento puntuale dell’armatura in tessuto non tessuto di poliestere, l’elevato spessore del materiale e le proprietà elastiche della lega gomma-bitume determinano una superiore resistenza alla grandine decretata anche a livello normativo, dove per le membrane in bitume distillato polimero la normativa europea definisce le membrane rinforzate come poco sensibili alla grandine tanto da non richiedere una prova specifica, richiesta invece dalla normativa per i fogli sintetici.

La tecnica di posa delle membrane bitume distillato polimero, anche se necessita pur sempre del necessario addestramento, è molto più intuitiva e facile di quella usata per i fogli sintetici in generale e non sono necessari accessori e fissaggi costosi che spesso vengono conteggiati a parte nel computo metrico dei manti sintetici ma che hanno una incidenza economica rilevante specialmente nei tetti ad elementi frazionati e/o con molti lucernari. La peculiarità delle membrane bitume distillato polimero sta nel fatto che la membrana stessa diventa adesiva per riscaldamento a fiamma e per essere incollata sul piano di posa non necessita dell’apporto di colle o materiali estranei; proprietà che consente di ridurre al minimo l’entrata dell’acqua anche nel caso di foratura del manto impermeabile, di evitare cioè “l’effetto imbuto” che si genera quando si forano le parti a valle dei manti interamente liberi o parzialmente fissati come è il caso dei manti sintetici. Questo principio è stato usato anche nel caso dei manti impermeabili per ponti autostradali dove il rischio foratura è rilevante dato che l’asfalto stradale è steso e rullato con il rullo compressore direttamente sulle membrane bitume distillato polimero incollate in totale aderenza sull’impalcato. La possibilità di incollaggio in totale aderenza delle membrane bitume distillato polimero limita il passaggio dell’acqua in caso di perdite e ne facilita la rintracciabilità. La stessa tecnica viene impiegata per saldare le sovrapposizioni e, per fusione a fiamma di entrambi i lembi, si ottiene una sicura saldatura autogena che data la rilevante semplicità operativa, contrariamente alla saldatura dei fogli sintetici, non richiede necessariamente ulteriori controlli a posteriori, tipici invece di quelle tecniche operative in cui non si manifestano evidenti e sicuri segnali di buona esecuzione già in corso d’opera come invece avviene per le membrane bitume distillato polimero dove la formazione evidente di un rivolo continuo di mescola fusa che fuoriesce dal sormonto per 10 mm ca. guida l’operatore e segnala la corretta esecuzione della saldatura similarmente a quanto avviene durante la saldatura dei metalli.
Sempre per rinvenimento a fiamma, contrariamente a quanto avviene per i fogli sintetici che per le riparazioni su manto invecchiato richiedono preventivamente lavori di pulizia con solventi appositi in molti casi uniti ad operazioni di energica spazzolatura meccanica, è possibile riparare con facilità i vecchi manti bitume distillato polimero senza alcuna speciale operazione preventiva a parte l’uso della scopa per allontanare lo sporco che potrebbe essersi depositato sul manto, anche quelli protetti con granuli minerali dove le modalità esecutive restano le stesse di quelle usate per la saldatura di testa dei manti nuovi.

Un altro non secondario vantaggio che distingue le membrane bitume distillato polimero dai fogli sintetici è ancora dovuto alle caratteristiche termoplastiche del materiale e come si può fare una semplice pezza di riparazione con la stessa semplicità,senza usare colle, si può procedere al rifacimento completo del manto sovrapponendo un nuovo strato incollato al vecchio sempre a fiamma in totale aderenza, evitando spese di demolizione e di smaltimento in discarica. La risultante non sarà un solo nuovo manto monostrato, come invece accade necessariamente nel caso di rifacimento di un manto sintetico dove il nuovo non può essere incollato sul vecchio, ma durante l’incollaggio della nuova membrana bitume distillato polimero sulla vecchia si sigilleranno per fusione le eventuali imperfezioni e si realizzerà un nuovo manto pluristrato recuperando al nuovo sistema anche l’armatura del manto vecchio.

Contrariamente a quanto si possa pensare le membrane bitume distillato polimero non sono così sensibili al fuoco come lo sono invece alcune tipologie di fogli sintetici come le poliolefine TPO che non essendo clorurate non sono naturalmente resistenti al fuoco come il PVC ed il CPE che intendono sostituire e che se non vengono opportunamente additivate propagano la fiamma con estrema velocità anche perché non sono incollate al piano di posa e la fiamma ha modo di alimentarsi anche dal di sotto. L’additivazione antifiamma nei fogli sintetici poi innesca ulteriori problemi di tossicità dei fumi. Per quanta riguarda la durabilità dei manti con membrane bitume distillato polimero SBS più che le polizze assicurative del fabbricante riteniamo siano interessanti le indagini statistiche condotte da istituzioni indipendenti e in merito si veda l’indagine svizzera sulla durata e difetti dei manti impermeabili dei tetti piani da cui si evince che l’aspettativa di durata di un tetto con manto a vista in bitume distillato polimero (in Svizzera sono prodotte esclusivamente membrane a base di SBS) sono di 25 anni e con pochi difetti contro i 15-20 anni dei fogli di PVC che presentano però una superiore difettosità.
Gli impermeabilizzatori della Svizzera Romanda in una lettera indirizzata nel 1994 ai costruttori e progettisti lamentavano problemi tecnici sui fogli sintetici in PVC. Si ricorda che la Svizzera è sede tradizionale di produzioni di manti in PVC ed alle soglie degli anni ‘90 è stata fra i primi paesi europei a produrre fogli in TPO ciò a testimoniare che l’innovazione deve comunque essere confermata dall’esperienza a lungo termine che non sempre può essere sostituita da una semplice prova di laboratorio. Tale esperienza sulle membrane bitume distillato polimero esiste già perché sono prodotte fin dagli anni ‘60. La peculiare caratteristica delle membrane bitume distillato polimero è il “sovrapponimento solidale” così si definisce la capacità,unica nel campo delle membrane prefabbricate, di rinnovare un vecchio manto incollandovi sopra in totale aderenza una nuova membrana e quindi prolungare la durata della nuova stratigrafia che risulterà ancora più performante della precedente perché più spessa. Tale proprietà delle membrane bitume distillato polimero incontra i criteri dell’edilizia sostenibile, consente di introdurre un nuovo concetto di durata, non più durabilità bensì “durata di vita tipico” del sistema, i manti infatti possono essere rinnovati per “sovrapponimento solidale” senza produrre rifiuti di demolizione fino a 1÷2 volte e, in funzione della protezione sovrastante, per un ciclo di vita della stratigrafia di 60÷90 anni.

TOP

RIMANI AGGIORNATO !!!

Iscriviti alla NewsLETTER di MUTI GAETANO per essere sempre aggiornato sulle novità e offerte da parte delle nostre aziende rappresentate....


Email
Nome
Cognome
Secure and Spam free...